Engineering Information Technology Tech News Tips & Tricks

AnTuTu rilascia un benchmark delle prestazioni AI per gli smartphone

AI è stata la parola d’ordine del 2018 con i produttori di smartphone che si vantano delle funzionalità AI dei loro telefoni, rendendo molto difficile determinare se vi siano grosse differenze tra i vari telefoni. Quindi AnTuTu ha deciso di rilasciare uno strumento di benchmarking, che aiuterà a estirpare i telefoni “falsi AI” e permetterà anche ai telefoni di flettere i muscoli dell’IA e di competere.

Tuttavia, nel suo post sul blog, AnTuTu sottolinea il fatto che l’intelligenza artificiale è una questione più complessa rispetto agli attuali benchmark delle prestazioni del sistema. Lo strumento di benchmark AI Review presenta due sottocategorie: classificazione e riconoscimento degli oggetti.

Il primo test contiene 200 immagini basate sulla rete neurale Inception v3, mentre il secondo test rivede il video a 600 fotogrammi basato sulla rete neurale MobileNet SSD. Queste immagini vengono quindi alimentate nell’SDK fornito dal fornitore dello smartphone e se il chip non supporta gli algoritmi AI, il benchmark ricorre al TFLite per il benchmarking. Tuttavia, il secondo scenario è in gran parte inaffidabile al momento.

Il punteggio finale è formato dalla velocità e dalla precisione del test, ma se la precisione viene scambiata per la velocità, il benchmark darà un punteggio inferiore. La logica dietro è che questo impedisce l’imbroglio in cui il telefono leggerà le immagini molto velocemente senza alcuna risposta corretta.

AnTuTu sottolinea inoltre che il punteggio AI tra diverse piattaforme non si differenzia tanto perché lo strumento si concentra esclusivamente sulle prestazioni dell’IA e non sulle prestazioni complessive del sistema. Inoltre, Samsung non ha rilasciato il suo AI SDK mentre HiSilicon utilizza ancora TFLite per alcune funzioni, quindi quei telefoni avranno un punteggio inferiore a quello che dovrebbero per ora. Infine, la versione di Android potrebbe distorcere i risultati mentre Google sta lavorando per migliorare le funzioni AI a livello di sistema con ciascuna versione di Android.

Il test di benchmark è ancora in anticipo nella sua fase di sviluppo, ma puoi sempre testarlo da solo. Tieni presente che l’AI reale è una specie di novità e la complessità delle soluzioni hardware e software che lavorano insieme non deve essere trascurata.

Fonte

Related posts

Esclusivo: il problema di Amazon e le Fake Review.

Daniele Samà

Google+ per i consumatori chiuderà il 2 aprile 2019

Daniele Samà

OnePlus 6T McLaren Edition, ecco le prime immagini ufficiali!

Daniele Samà

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy